Ubuntu 14: come aggiungere il login per l’ utente “root”

Ubuntu , come molti altri sistemi grafici derivati da Unix , per ragioni di sicurezza propone la connessione ad un utente amministratore che in realta’ non ha piena capacita’ di modificare , configurare ed ampliare il sistema operativo , nella sua interezza .

Il vero e unico superamministratore e’ l’ utente “root” . Questo non e’ mostrato nella schermata iniziale di Login e puo’ essere raggiunto soltanto tramite la shell , con appropriati comandi .

Possiamo aggiungere il login di root operando come segue :

  1.  aprire la shell ( terminale ) cercandola cliccando sulla prima icona in alto ( sinistra ) del menu delle applicazioni .
    shell linux
  2.  inserire il comando:  “sudo passwd root” e digitare la password utente richiesta e successivamente la password da asseganre all’ utente root
    shell linux
  3. successivamente digitare:  ” cd /usr/share/lightdm/lightdm.conf.d”
  4. poi ancora : “vi 50-ubuntu.conf”
  5. modificare il file aperto, con vi, aggiungendo la riga che segue :  “greeter-show-manual-login=true”
  6. salvare il file modificato, chiudere la shell e riavviare il sistema.

Alla successiva richiesta di login verra’ aggiunta la riga “Accedi” che ti permettera’ di inserire l’ utente e la password per “root”.

Linux OR altro O.S.

Linux
Linux

Nel 2015 ci troviamo di fronte alla scelta del sistema operativo da usare sul nostro computer . Dopo decenni di monopolio Microsoft finalmente possiamo scegliere il software che dovra’ motorizzare il computer che intendiamo acquistare .

Mentre qualcuno si chiedera’ , ancora oggi , di cosa stiamo parlando , altri saranno gia’ alla ricerca  di una giustificazione all’ uso indiscriminato e poco redditizio di Windows .

In questo mio articolo cercero’ di spiegare perche’ non usare windows come sistema operativo per il vostro PC .

In molti vengono a chiedermi quale computer comprare , ponendomi la domanda : “meglio comprare un PC o un MAC ?” . ovviamente molto spesso si riferiscono a computer portatilie non a desktop .

Alle volte rispondo indispettito con un : “perche’ dove starebbe la differenza ?” . In effetti riguardo ai computer portatili di fascia medio bassa la differenza , tra un PC e un MAC , non esiste , nel senso che le due macchine sono molto spesso con lo stesso hardware , Processore Intell e ram Corsair ed altri componenti sostanziamente identici .

La reale differenza tra le due macchine e’  il Sistema Operativo , ovvero il programma che lega l’ hardware alle applicazioni software utente . Spesso i PC portatili vengono commercializzati con un software di base Microsoft ( la famiglia windows per intendersi ) , mentre i MAC sono motorizzati dal sistema operativo proprietario di Apple , dal nome galattico, OS X ( da 10.6 Snow Leopard a 10.10 Yosemite ). Dovete sapere che gli OS X derivano da un altro sistema operativo molto usato nel mondo servers multi-utenti , ossia UNIX . In particolare OS X deriva da UNIX BSD.

Perche’ vi racconto cio’ ?

Perche’ dallo UNIX nasce , nei primi anni ’90, un nuovo sistema operativo sviluppato in gran parte da Linus Torvalds chiamato LINUX . Il progetto , nato iniziamente come didattico,  presto si divise in molti rami e vide nascere molte distribuzioni , sviluppate da comunita’ di programmatori liberi ed indipendenti .

Le piu’ conosciute attualmente sono :

  1.  Ubuntu
  2. Linux Mint
  3. Debian
  4. Fedora
  5. Red Hat Enterprise / centOS
  6. Open SUSE
  7. Mageia
  8. Arch Linux
  9. Slackware Linux
  10. Puppy Linux

Questi Sistemi Operativi sono parenti molto stretti di OS X, tanto e’ vero che i comandi da shell sono molto simili se non uguali,  e hanno , attualmente , interfacce grafiche semplici ed intuitive quanto e come Windows .

In definitiva , visto la minima differenza di hardware, la stessa facilita’ di utilizzo, un numero impressionate di applicazioni ( suite office , Cad Cam , elaboratori di immagini , modellatori 3d , emulatori, virtualizzazioni , ecc ) ,  i continui aggiornamenti , perche’ non scegliere Linux ?

Non ne siete ancora convinti ?

Allora dovremmo aggiungere ancora qualche asso nella manica del pinguino .

Linux e’ Open Source e per la grande maggioranza delle sue distribuzioni , non c’e’ da pagare nemmeno un centesimo . Se ancora avete delle perplessita’ possiamo anche ribadire che questo sistema , come anche OS X , e’ immune ai virus che minano ogni giorno i sistemi Windows .

Credo che questo sia tutto e se non siete ancora disposti a passare al pinguino siete semplicemente masochisti .