Cicloturismo: istruzioni per l’ uso

Mi sono convinto a scrivere questa piccola guida, dopo che alcuni amici mi hanno chiesto come sono riuscito ad organizzare le vacanze in bicicletta con i miei figli.

Tutto nasce da due esigenze :
1) spendere poco
2) togliere i ragazzi dal telefonino

Pedalando non si puo’ usare il cellulare e sicuramente non si spende in benzina ed autostrada.

Per cui , rovistando nei garage dei parenti, siamo riusciti a scovare tre bici che avrebbero, con pochi aggiustamenti,
potuto accompagnarci nel nostro viaggio.

Quella sopra e’ stata la prima ad essere stata scelta e revisionata . sostituito il comando del cambio anteriore, controllo accurato del funzionamento dei freni, verifica tenuta camere d’ aria, regolazione rapporti, montaggio portapacchi, recuperato da un altra bici. Lavaggio ed ingrassaggio.

Per la seconda il lavoro di revisione e’ stato un poco piu’ lungo dovendo sostituire il freno anteriore che non funzionava correttamente. Ponete attenzione alla regolazione del cambio perche’ puo’ essere causa dello strappo della catena e comunque fate attenzione ad ogni cambiata, cercando di non forzare troppo sui pedali.

E questa e’ la bici del nonno, gentilmente data in prestito con la raccomandazione di non romperla. Anche per lei lavaggio , ingrassaggio¬† e regolazione freni e cambio.

I bagagli da caricare sulle bici devono essere di minor peso possibile, perche’ in salita, nella conduzione e tenuta di strada della bici , si fanno sentire.

Noi abbiamo portato :

1) un sacco a pelo leggero per ciascuno
2) una tendina da tre persone
3) tre materassini da tenda isolanti
4) dentifricio, spazzolini, shampoo e sapone di Marsiglia utilizzabile anche per il lavaggio degli indumenti.
5) tre paia di mutande e tre paia di calzini tre magliette,un paio di pantaloni corti, una felpa per ciascuno
6) un paio di sneakers e un paio di sandali ciascuno
7) zainetto con attrezzi vari , adatti al montaggio smontaggio bici e parti di sostituzione, camere d’ aria, kit riparazione gomme, falsa maglia catena
Noi in realta’ la falsa maglia non l’ avevamo ed infatti abbiamo rotto una catena dovendo fare diversi Km a traino
8) mantelline antipioggia leggere da tenere a portata di mano, non in fondo all’ ultimo zaino ūüėÄ
9) Pompa per il gonfiaggio gomme
10) fanalini bianchi e rossi per essere visti anche di notte
11) maglietta dai colori accesi “antisudore” e pantaloni da bici imbottiti al cavallo
12) asciugamani in microfibra.

Ricordarsi elastici con ganci in plastica per fissare i bagagli al portabagagli

Per rendere piu’ stabili i bagagli abbiamo allargato il piano del portatutto con delle tavolettine di compensato fissate con fascette.

Comunque da Decathlon e’ possibile trovare un kit portapacchi e borse laterali ad un costo abbastanza accessibile.

Noi abbiamo optato per il riuso di borse modello spesa , con cerniera, trovate per caso in cantina.

Tre zainetti usati per contenere gli indumenti di cui uno con celle solari per la ricarica dei telefoni

IMPORTANTE¬† il casco; le ciclabili sono rare e viaggiare nelle strade “normali” e’ piuttosto impegnativo gli automobilisti non fanno troppo caso a noi ciclisti, anche se devo dire che in molti ci guardavano sorridendo ūüėÄ

La cosa piu’ importante, quando si viaggia in gruppo e restare in fila indiana e rispettare l’ andatura di cisacuno dei componenti, magari facendo piu’ soste .

Quando la stanchezza comincia a farsi sentire e’ possibile integrare alla pedalata, l’ uso del treno.

Quasi tutti i treni regionali hanno una carrozza in testa¬† adibita al trasporto bici. cercate stazioni con le biglietterie aperte con personale che puo’ darvi consigli utili su eventuali cambi e coincidenze.

Devo dire che il personale di Trenitalia e’ stato molto disponibile e di aiuto per infomazioni e scarico / carico bici.

Le ultime due raccomandazioni:  bevete acqua molto spesso, bagnandovi anche la testa di tanto in tanto e applicate una crema protettiva per il sole .

A voi la scelta dell’ itinerario

SCARTI TESSILI: da problema ad opportunita’

Si concretizza il lavoro svolto dal gruppo di cittadini attivi di Prato, riguardante la criticita’ rappresentata dall’ abbandono degli scarti tessili .

Nel territorio della provincia di Prato vengono spesso abbandonati residui di lavorazioni dell’ industria dell’ abbigliamento.

Gli attivisti amici di Beppe Grillo di Prato si sono interessati alla questione , memori della vocazione nel riciclo del tessuto , tradizione della industria manifatturiera pratese.

Quello che oggi viene considerato un rifiuto industriale da smaltire in discarica,puo’ essere , in realta’ , una opportunita’ di economia indistriale , come ci dimostra una azienda locale , utilizzando lo scarto tessile come matria prima per la produzione di pannelli isolanti termo-fono-assorbenti.

Il coivolgimento dei consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle , ha permesso di giungere ad una proposta , portata in consiglio regionale, atta ad inserire nei disciplinari degli appalti pubblici la possibilita’ di utilizzare materiale isolante e fono assorbente ,¬† prodotto dal riutilizzo di materiali di scarto delle lavorazioni tessili .

Nella stessa mozione vien richiesto anche di incentivare l’ acquisto dei detti prodotti termo-fono assorbenti .

Per completezza riporto di seguito i links di approfondimento sull’ argomento.

La ricerca ed il primo incontro con lazienda produttrice dei pannelli isolanti termo-acustici :

Scarti tessili: tra illeciti e virtuosismi

La partecipazione al consiglio comunale straordinario sui rifiuti:

Consigli comunali “straordinari”

La scheda informativa generale sull’ argomento (PDF):

schedaRicicloTessile

La scheda del prodotto della Manifattura Maiano (PDF):

catalog_14_RecycleTherm_Km0

La mozione presentata in consiglio regionale:

http://www.movimento5stelletoscana.it/scarti-tessili-problema-opportunita/

Documento mozione consiglio regionale:

MOZ0986

 

 

 

Vogliamo inquinare anche da morti ?

no cremazione

Nemmeno dopo il nostro decesso possiamo stare tranquilli !

Argomento molto delicato e difficile con implicazioni morali ed etiche, che non dobbiamo dimenticare ma che non intendo trattare in questo articolo, limitandomi alle considerazioni di carattere ecologico ed energetico.

Da tempo in Italia, dopo che abbiamo lasciato la vita terrena, abbiamo due soluzioni per “riposare in pace” :

  • Essere sepolti
  • Essere bruciati tramite cremazione

Dalle ultime ricerche emerge la difficolta’, dovuta soprattutto al consumo di cibi con alto contenuto di conservanti, ad essere riassorbiti dal terreno e tornare nel ciclo vitale della terra. Le salme dopo essere rimaste sepolte per decenni vengono ancora ritrovate pressoche’ intatte,¬† quasi mummificate.

Anche per questo motivo ha preso campo la cremazione che si pensava la soluzione definitiva alla mancanza di spazio per la sepoltura.

Purtroppo i forni crematori sono paragonabili agli inceneritori per quanto riguarda la diffusione di inquinanti nell’ aria. Infatti un’ impianto di cremazione ha le stesse caratteristiche di funzionamento: deve bruciare molte ore al giorno.

Il caso di Pistoia e’ significativo per quanto riguarda l’ inquinamento da diossine ed altri inquinanti dell’ aria.

Pagina Arpat sforamenti diossine Pistoia

Articolo de Il Tirreno su diossine a Pistoia

Ma se la soluzione non puo’ essere il forno crematorio, in quale direzione possiamo muoverci per permetterci di “riposare in pace” ?

Le alternative ci sono e sono sostanzialmente due:

  1. ¬†La prima arriva dal nord europa e usa il procedimento inverso alla cremazione, cioe’ il corpo non viene bruciato ma ghiacciato ad una temperatura talmente bassa da permettere la disgregazione molecolare, se sottoposto a vibrazioni ad alta frequenza. Il Video Crio-cremazione puo’ chiarire il procedimento.
  2. La seconda soluzione e’ stata proposta da piu’ parti, in particolare dall’ Australia, ed usa un processo di idrolisi alcalina a pressione e temperatura elevate,¬† per accellerare il naturale processo di decomposizione dei corpi. Decomposizione per idrolisi

I sistemi descritti sopra hanno diversi vantaggi :

  • non inquinano l’ aria
  • sono piu’ convenienti da un punto di vista del consumo dell’ energia
  • hanno un prezzo di “trattamento” piu’ basso

rispetto alla tradizionale cremazione.

Parlo di questo perche’ nella nostra citta’ , nel raggio di 7 chilometri abbiamo due inceneritori attivi, Montale e Baciacavallo, si intende installare un impianto di cremazione del tipo tradizionale e molto inquinante.

Speriamo che le mie informazioni possono servire alle istituzioni per considerare scelte diverse da quelle ventilate nell ‘ ultimo periodo.

Links:

http://www.matthewscremation.com/products/cremation-equipment.html

http://www.aquamation.info/

http://www.resomation.com/

http://www.promessa.se/

 

La ricchezza celata : Prato rinnega il suo passato Etrusco

Insediamento etrusco di Gonfienti 120.000 metri quadri, stimati , un tesoro paragonabile a Pompei o Ercolano.

Restaurati 1400 metri quadri della Domus principale .

La casa riportata alla luce e’ la piu’ grande mai ritrovata nell’ epoca avanti Cristo . Le domus dei successivi re di Roma non raggiungevano simili dimensioni.

I Reperti recuperati nella zona , ricchissima , sono esposti perfino al British Museum , come nel caso di questo ritrovamento presso Pizzidimonte.

L' offerente etrusco
Bronze statuette of a young man

Altre 6 domus adiacenti , mai scavate , stabiliscono la presenza di una strada pavimentata che pone Gonfienti al centro di un crocivia culturale e commerciale di un enorme patrimonio storico precedente a quello romano .

La strada doveva collegare Populonia , antico porto commerciale per l’ arrivo del metallo elbano , all’ appennino e successivamente raggiungere Marzabotto e l’ Adriatico.

E noi ?

Ci facciamo sopra un enorme piazzale destinato a rimanere vuoto vista la mancata intermodalita dell’ interporto di Prato .

Prato potrebbe essere un centro turistico culturale come nessun altra citta’ Italiana, avendo ricchezze che partono dall’ epoca pre-romana per giungere , attraverso il periodo comunale e rinascimentale, fino alla prima rivoluzione industriale .

Nessuna citta’ puo’ vantare un passato cosi’ ricco e longevo .

I nostri politici non comprendano, o forse non vogliono farlo, che il futuro di Prato non puo’ passare che attraverso il passato .

Comitati e cittadini meritano risposte

Ieri sera durante l’ incontro con i comitati cittadini non ho avuto modo di completare il mio intervento a causa del tempo contingentato e l’ ampiezza dei temi trattati.

Questa mattina ritengo doveroso rispondere in modo piu’ esaudiente , secondo la mia visione tecnica, alle richieste di ieri sera .

Essendo prestato alla politica e nascendo come tecnico informatico le mie risposte hanno un approccio di analisi e successiva proposta di realizzazione .

PREMESSO:

che i parametri fondamentali  di valutazione sono sostanzialmente tre :

  1.  No allo spreco del territorio
  2. Salvaguardia della salute dei cittadini residenti
  3. Partecipazione al percosrso di analisi e progetto di tutta la cittadinanza.

Rispondero’ ad ogni singolo comitato:

Comitato Prato Sud:   Richiesta posizione del candidato M5S rispetto alla variante PIT per destinare area agricola a destinazione industriale per concedere spazio ad un impianti di lavorazione e frantumazione di materiali da costruzione inerti .

La risposta del M5S e’ un NO netto alla variante del PIT , le aree precendentemente indicate come agricole devono rimanere agricole , vista la alta antropizzazione del territorio del comune di Prato . Ci sono aree destinate all’ industria e tali aree possono e devono usate per realizzare questo tipo di impianto .

Comitato No Aeroporto: Richiesta posizione del candidato M5S rispetto alla realizzazione nuovo aeroporto di Firenze . Pista 12/30.

Il dibattito e’ ampio e qui si giocano le sorti politiche e non solo , della Regione Toscana . Mi son letto la relazione sulla VIA presente sul sito del ministero dell’ ambiente nella quale si dichiara molto apertamente l’ assoluta nocivita’ a livello ambientale di questa opera distruggendo il parco agricolo della piana costato, alla pubblica amministrazione, piu’ di 30 milioni di euro e che mette l’ Italia nella condizione di subire una sanzione europea visti i vincoli sulle aree protette dalla UE stessa . Il M5S e’ nettamente contrario¬† a questa opera e disponibile a studiare la messa in sicurezza dell’ attuale City Airport .

Comitato Cavalciotto: Richiesta posizione del candidato M5S rispetto alla possibile costruzione di una centrale idroelettrica privata demolendo l’ attuale deviazione del fiume Bisenzio nelle gore pratesi.

Questo tema mi sta molto a cuore per la rilenvanza storica . La deviazione del Bisenzio, in 55 Km di canali, ha permesso a Prato di svilupparsi nel corso dei secoli,¬† garantendo la forza motrice a tutto il territorio.¬† In disuso da diversi anni,¬† il complesso delle gore , gualchiere e mulini di Prato , potrebbe rivivere e tornare alla sua principale funzione, grazie alle nuove tecnologie del micro-idroelettrico . Il recupero di mulini e gualchiere distribuite nel territorio, oltre ad aumentare il prestigio storico della rete di canali , porterebbe alla produzione di una notevole quantita’ di energia rinnovabile , non inquinante e non impattante a livello visivo.

Riferimento in rete a Giancarlo Giudici del Politecnico di Milano : Recupero Mulini

Comitato di Chiesanuova: Richiesta posizione del candidato M5S riguardo al progetto di costruzione di un forno crematorio al cimitero pubblico della Chiesanuova .

Ricerche fatte in piu’ ambiti ed in tempi successivi, hanno evidenziato quanto un forno crematorio sia assimilabile ad un inceneritore . In alcuni casi abbiamo visto che il tasso di inquinamento atmosferico e’ addiruttura superiore . Il M5S e’ decisamente contrario agli inceneritori e di consequenza ai forni crematori . Attualmente ci sono metodi di cremazione che non comportano il rilascio in atmosfera di alcuna sostanza tossica . Il sistema di cremazione a freddo sviluppato da una azienda svedese , prevede di portare il corpo del defundo a una temperatura inferiore ai -200 gradi e successivamente polverizzare il corpo tramite vibrazioni ad alta frequenza .

Sito per la cremazione a freddo

Comitato Salviamo la Fattoria Medicea delle Cascine di Tavola: richiesta posizione del candidato M5S rispetto alla problematica della fattoria Medicea .

Anche questa opera, da attribuire a Lorenzo il Magnifico, si trova sul percorso della rete delle gore di Prato . L’ acqua del Bisenzio dopo aver dato energia alla citta’ , prima di riversarsi nell’ Ombrone permette di dissetare i campi presenti intorno alla Fattoria Medicea. La salvaguardia di questa opera di ingegneria, che vedeva sperimentare nuove colture nei passati secoli,¬† e’¬† indiscutibilmente una priorita’ visto il degrado delle costruzioni . Qui potrebbe trovare posto un polo di studi per lo sviluppo dell’ agricoltura moderna .

Comitato Cento Storico Prato: richiesta posizione del candidato M5S sull’ utilizzo della area ex Ospedale Misericordia e Dolce.

Qualcuno vorrebbe abbattere la costruzione che conteneva il vecchio ospedale . In realta’ , tenuto conto della inadeguatezza del S. Stefano e della carenza di strutture socio/sanitarie, questa opera potrebbe essere utilizzata per L’ assistenza a malati cronici ed agli anziani .

Comitato del Soccorso: richiesta posizione del candidato M5S inerente il processo partecipativo della popolazione¬† al progetto di raddoppio della declassata all’ altezza del quartiere del Soccorso.

Non conosco nel dettaglio la legge sulla partecipazione ma di fatto la cittadinanza non puo’ che ratificare i progetti del proponente se condivisi dall’ amministrazione . Quindi anche se viene seguita alla lettera la legge il contributo attivo della cittadinanza , nell’ ambito di una realizzazione di un progetto specifico , e’ irrilevante.

Questo e’ l’ unico tratto della vecchia declassata ancora a singola corsia . Di fatto agli ingressi di questa strettoia si formano ingorghi per gran parte della giornata creando disagio ai residenti , per inquinamento atmosferico ed acustico; agli automobilisti per l’ immobilita’ forzata in diverse ore del giorno . Soluzioni differenti sono state proposte dalle diverse amministrazioni susseguitesi al governo della nostra citta’ . Personalmente ritengo che il viadotto abbia costi elevati ed equivale ad allargare il terrapieno esistente per porci due nuove corsie di scorrimento dal costo molto piu’ contenuto . Una soluzione diversa e’ quella dell’ interramento della via di comunicazione che comunque comporta una spesa elevatissima , un impatto ambientale, pensate a quanta terra andrebbe rimossa ed un alto elevato rischio idraulico .¬† Rischio idraulico che paralizzarebbe completamente la citta’ in caso di allagamento della galleria.

Comitato in mezzo a un’ autostrada: Chiede riguardo all’ intervento di mitigazione del rumore e l inquinamento prodotto dal passaggio dei mezzi nel tratto dell’ A11 che traversa il quanrtiere di Cafaggio.

Ribadisco l’ impegno del movimento nella cura della salute dei cittadini per questo nel caso di Cafaggio va richiesto un intervento degli organi preposti per erigere , almeno , delle barriere anti rumore nel tratto interessato.

Spero di essere stato esaustivo e mi scuso per non essere riuscito a rispondere riguardo tutti gli argomenti ieri sera ma 5 minuti sono veramente pochi .

 

 

 

 

Assemblee partecipate e posizioni oscurate

Mercoledi 6 Maggio ho partecipato all’ assemblea cittadina, indetta dalla presidenza del consiglio comunale di Sesto Fiorentino , riguardo alla costruzione del nuovo aeroporto di Firenze .

La serata contraddistinta da numerosi interventi anche di competenze molto specifiche , come la testimonianza di un comandante dell’ aeronautica e quella di alcuni docenti del polo scentifico di Sesto , ha descritto con precisione l’ impatto negativo di questa grande opera voluta dal nostro governo .

no aeroporto

Senza entrare nei singoli aspetti , ambientale , finanziario , strutturale e della salute pubblica , e possibile sintetizzare la serata con il semplice slogan NO AEROPORTO .

Da rilevare , purtroppo,¬† la poca chiarezza delle parti politiche presenti ad eccezione del sindaco del comune di Poggio a Caiano¬† , Martini , che ha ribadito la ferma volonta’ di dare battaglia contro la costruzione del nuovo aerodromo .

Singolare spot elettorale quello del consigliere di Forza Italia sestese e rocambolesco rifiuto alla struttura del capogruppo PD .

La “padrona di casa” sindaco di Sesto Fiorentino , si allinea con tutti gli altri primi cittadini della piana. Ribadisce l’ impotenza delle amministrazioni locali di fronte al Governo ed alla regione , prendendo tempo in attesa dei risultati dei tavoli di lavoro tecnici .

 

 

 

L’ importanza dei rappresentanti di lista

Il rappresentante di lista e’ colui che verifica il corretto svolgimento delle operazioni di voto e di scrutinio .

Dalle precendenti esperienze elettorali del Movimento 5 Stelle emerge che le sezioni dove sono presenti i candidati di lista, riportano un maggior numero di voti rispetto a quelle dove il nostro rappresentante non e’ presente .

rappresentanti di lista

Per questo cerchiamo rappresentanti di lista per presidiare le sezioni di voto .

E’ possibile contattarci per maggiori informazioni su questo

Gruppo Facebook

oppure all indirizzo email : ilvaro@gmail.com

Pizzata di Autofinanziamento

Mercoledi 13 Maggio 2015 alle 20:30 presso GalleryShow, in via Roma 317 a Prato , ci sara’ una cena a base di Pizza e Birra per autofinaziare la Campagna Elettorale del Movimento 5 Stelle per le prossime regionali . Il prezzo di 15 euro e’ suddiviso in 10 Euro per pizza e birra e 5 euro di donazione .

pizzata

I cittadini candidati portavoce consiglieri regionali serviranno i tavoli e chiariranno i punti di programma per la regione

Il PD perde il pelo ma non il vizio ….

Ci risiamo, le amministrazioni regionale e locali si cimentano ancora una volta negli sprechi, nel consumo del territorio e dei soldi pubblici .

Torna protagonista l’ area di Gonfienti , con il suo interporto, dove la regione ed i comuni di Prato e Campi Bisenzio sono impegnati nel progetto di ampliamento della struttura in barba all’ area archeologica etrusca , la piu’ importante ed estesa della Toscana , ed in barba ad una attivita’ intermodale inesistente .

Interporto Gonfienti

Lo scopo principale dell’ interporto , cioe’ lo scambio dei mezzi di trasporto per le merci , non e’ stato raggiunto , se non in minima parte.

La grande crisi economica che ha colpito il comparto tessile pratese e’ soltanto un aspetto del mancato successo della struttura . L’ altro, molto piu’ prevedibile e chiaro a tanti addetti ai lavori , e’ la datata rete ferrioviaria che serve Prato , ma piu’ in generale , tutta la nostra penisola .

linee ferroviarie nazionali divise per capacita' di carico
linee ferroviarie nazionali divise per capacita’ di carico. Soltanto i tratti in turchese sono idonei alla intermodalita’ piena .

Infatti le ‚Äúautostrade viaggianti‚ÄĚ , cosi vengono definiti i moderni treni che trasportano gli autoarticolati , per dimensione e peso non possono percorrere gran parte della rete ferroviaria nazionale . Ci sono altre tipologie di convoglio, piu’ ampiamente utilizzate, ma con tempi maggiori di percorrenza e con maggiori necessita’ di supporto e per questi motivi vengono preferiti i trasporti su gomma . Inoltre lo snodo di Prato , per la posizione intermedia tra gli altri due importanti impianti di Livorno e Bologna , rimane ancor piu’ una opera senza senso .

Alla luce di queste semplici considerazioni viene da chiedersi del motivo per il quale si intende ampliare questa struttura, in grossa diffiolta’ finanziaria e con un debito che si attesta su una cifra superiore ai 25 milioni di euro .

L’ipotesi piu’ accreditata e’ quella della vendita degli immobili presenti nell’ area , ammesso e non concesso che si riescano a trovare degli acquirenti . In caso contrario il debito in essere crescera’ ed andra’ a gravare, ancora una volta, sulla comunita’ della piana tra Prato e Firenze .

Il movimento 5 stelle , grazie alla preziosa segnalazione dei consiglieri comunali di Prato , si e’ immediatamente attivato per fare chiarezza su questa ennesima dubbia operazione, condividendo

le informazioni a riguardo con gli altri gruppi consiliari pentastellati e con i meetup locali e regionali .

Paolo Pastacaldi

Cittadino Candidato Portavoce

Consigliere Regionale